Junior Enterprise World Day

JUNIOR ENTERPRISE WORLD DAY 2017: ECCO PERCHÉ DOBBIAMO PENSARE IN GRANDE

Il prossimo 22 novembre sarà il Junior Enterprise World Day, giornata in cui tutte le Junior Enterprise del mondo si raccontano alle altre Junior e all’esterno. Quest’anno, il tema sarà #WeAreGlobal.

Un modo per non perdere di vista le dimensioni del nostro Movimento, che si estende su cinque continenti. Ma anche un’ulteriore conferma del fatto che la nostra formula funziona. Che anche in contesti molti diversi, il concetto di Junior Enterprise riesce a conquistare l’attenzione di Istituzioni, Università e soprattutto di studenti che continuano ad accrescere il nostro network.

Con queste premesse, abbiamo tutti i motivi per pensare in grande, anche in Italia.

A tal proposito, mi viene in mente un’immagine che penso possa rappresentare lo spirito del nostro Movimento, e in particolare lo spirito con cui dovremmo partecipare al Junior Enterprise World Day.

È la storia di Davide e Golia. Che immagino tutti conosciate: il giovane e “piccolo” Davide che, con un colpo ben assestato della sua fionda, sconfigge il gigante Golia. È una storia che probabilmente non si troverà tra gli aneddoti ispirazionali più in voga. Ma che, tralasciando l’aspetto storico, parla della vittoria del piccolo sul grande, del debole sul forte.

Cosa ha a che fare con le Junior Enterprise? Noi non siamo al 100% delle aziende. Utilizziamo, questo sì, la forma di aziende di consulenza, utilizziamo procedure da aziende di consulenza, ci sforziamo di offrire servizi di qualità come le aziende di consulenza. Ma non siamo effettivamente delle aziende di consulenza.

Questo non significa che valiamo di meno, anzi. È proprio questo che dovrebbe farci pensare in grande. Come azione di studenti che scelgono di fare questa esperienza. Magari, ognuno con il proprio personale Golia da sconfiggere.

Senza mai fare la voce grossa, senza mai dimenticare che siamo studenti con voglia di imparare, cresciamo. È così che noi combattiamo le nostre difficoltà: il mondo del lavoro che cambia continuamente, le normali paure che hanno i giovani in questa fase di passaggio che è l’esperienza universitaria.Ci sono giganti enormi e spaventosi in questa epoca esaltante dell’innovazione continua. E a questi giganti, noi rispondiamo con creatività, flessibilità, passione. Essere “piccoli” è la forza che dovrebbe farci pensare in grande.

Del resto, stiamo già pensando in grande. Come vi ho raccontato in un altro articolo, l’obbiettivo di lungo periodo cui dovremmo puntare come Confederazione nazionale delle Junior Enterprise è il riconoscimento giuridico della forma delle Junior Enterprise.

Per farlo, sarà fondamentale spingere al massimo i nostri standard qualitativi, far vedere alle Istituzioni italiane come anche in questo Paese con il vizio del pessimismo si può affermare una formula giovane e vitale, alla pari di qualunque altra nazione in Europa e nel mondo. Ma se rimaniamo ben concentrati, sconfiggeremo anche questo gigante.

Buon lavoro a tutti e arrivederci al JEWD 2017!

Carlo De Nicola, 24 anni. Attualmente scrivo per il blog di JADE Italia ed  ho lavorato nella comunicazione in JECatt – Junior Enterprise Cattolica da maggio 2016. Triennalista in Lettere Classiche ed ora studente di Comunicazione d’Impresa, sono un grande appassionato di retorica antica, ma anche delle forme più moderne di comunicazione.